header_img
Biografia
Franco è nato vicino al mare e del mare possiede molte caratteristiche: la naturalezza, l’imprevedibilità “creativa”, la confidenza con i grandi spazi…
Inizia a cantare ai tempi degli studi di Ingegneria, e sono proprio i compagni di studi i primi a chiamarlo “poeta con la chitarra”. Incoraggiato da questo speciale pubblico, Franco si presenta, nel 1972, al Festival di Castrocaro e vince come cantante e come autore. Nel '74 con "Fiume grande" risulta, secondo i dati di vendita, il vincitore morale del Festival di Sanremo.Nel '76 arriva il grande successo con “Tu… e così sia”, che in seguito sarà riproposta da tanti interpreti in giro per il mondo. Per due anni consecutivi vince la prestigiosa "Gondola d'oro" (1977 e 1978). Dopo pochi mesi, è presente alla “Gondola d’argento” di Venezia, insieme ad Alice e Antonello Venditti. “Sorrisi e canzoni” saluta l’arrivo di questi 3 debuttanti di lusso col titolo: Pulcini, annata buona!. Inizia una carriera di successi mai finiti. Numerosi i riconoscimenti in tutto il mondo, soprattutto in America Latina. Leo Rivas ha dichiarato: «Questo artista italiano sta cambiando, in una lingua che non è la sua, il nostro modo di scrivere canzoni…». Sue canzoni come Fiume grande (Festival di Sanremo ’74) venduta in centinaia di migliaia di copie (Je ne comprends plus rien in francese e Rio grande in spagnolo), Respiro, Paesaggio (Paisaje), Cara droga, La casa in via del campo hanno segnato la storia della musica italiana.
Artista rigorosissimo, al di sopra delle stagioni e delle mode, accanto allo spettacolo legato al suo repertorio abituale, a partire dal ’99, ne propone un altro di arie sacre, in teatri e cattedrali. Attualmente è impegnato in una nuova avventura al fianco di Claudia Koll. Entrambi docenti presso la Star Rose Academy, hanno realizzato un cd a scopo benefico per la costruzione di un ospedale in Africa: un disco-evento con alcune registrazioni inedite di Franco. Con una purezza da artista incontaminato, continua ad esibirsi nei posti più diversi, ovunque con la stessa partecipazione emotiva, sua e del pubblico.
Come affermano quelli che lo conoscono bene: «Per amarlo basta ascoltarlo una volta dal vivo!